La statua di carta

Per non dimenticare, per un Italia che non c’è più, per quella di oggi e, soprattutto, per chi c’è stato prima di noi, perché ciò che di buono siamo diventati lo dobbiamo soltanto a loro.

“Durante la maledetta guerra che il mondo ha dovuto combattere contro l’invisibile e subdolo nemico rappresentato dal virus Covid-19, abbiamo perduto una parte importante di noi, persone che avevano ancora tanto da dire condividendo saggezza, insegnamenti e pregevoli esperienze di vita. Tutto ciò, in pochissimi mesi, è andato dissolto, una preziosissima memoria storica svanita in un sol colpo. Nella primavera del 2020, io, ho perso mio padre. Anche se non è stato il virus a portarselo via, le conseguenze che la pandemia ha rovesciato sulla nostra vita sociale hanno minato in maniera determinante i suoi ultimi giorni di vita. Quando tutto ormai s’era compiuto ho deciso che dovevo onorare mio padre, restituendogli in qualche modo quella parte di vita che lui ha sacrificato per la famiglia, la stessa che non ha potuto dirgli addio nel modo che ampiamente meritava.

Con mio padre ho spesso parlato dei miei libri, dei miei sogni e di tutto ciò che significa scrivere. In una di queste occasioni mi manifestò il suo interesse affinché io scrivessi un libriccino che servisse a ricordare vicende, persone e certi anni formidabili.

È proprio ciò che serve adesso: ricordare!

Il seme creativo de “La statua di carta” l’ha gettato lui, io ho soltanto scritto di periodi remoti di cui posso dire, perché ho avuto la fortuna di averli ascoltati direttamente da chi li ha attraversati e di altri, quelli più recenti, perché da me sperimentati in prima persona. In ogni modo si tratta di spaccati di vita, di una società, di un industria e di un’Italia che non c’è più, ma che dovrebbe comunque restare nei nostri ricordi e in quelli dei posteri, perché ciò che di buono siamo diventati lo dobbiamo soprattutto alle donne e agli uomini che ci hanno preceduto.

La statua di carta” è un gesto d’affetto con il quale ho voluto dare concretezza ad un’idea, l’ultima di un geniale uomo con cui ho condiviso sessant’anni di vita italiana.”


Qui puoi scaricare l’anteprima in formato pdf in cui troverai copertina, primi capitoli e i collegamenti alle risorse web del libro.


La statua di carta” è disponibile in due versioni cartacee:

Edizione speciale a colori 

 

 

 

 

 

 

Edizione economica