RDF

Un’eccezionale e avveniristica innovazione tecnologica scatena una moltitudine di fatti che, dipanandosi su tre differenti collocazioni temporali, s’intrecciano tra missioni spaziali, storie d’amore e un finale che addirittura prevede due struggenti epiloghi.

Le scoperte scientifiche sono come i successi sportivi: si ottengono con ambizione, impegno e sacrificio. Per certi uomini il raggiungimento dell’obiettivo è la motivazione che li spinge a vivere; senza quella mira, anche se spesso si tratta di un orizzonte lontanissimo, niente è determinante. C’è chi è pronto a rischiare la propria vita per comprendere una verità che il Dio del creato ha celato nei meccanismi di un mondo perfetto. Qualcun altro invece, per nascondere una verità scomoda, è disposto a uccidere.

È il 6 dicembre 1958. La NASA è una realtà nata da poco. Nella base americana di Moffet Field c’è fermento: un altro insuccesso. La sonda Pioneer 3 non ha eseguito un comando trasmessole da Terra. Pioneer 3 precipiterà. Qualcuno però è ugualmente soddisfatto.

È il 28 gennaio 1986, dalla base spaziale di Cape Canaveral in Florida sta per decollare la “navetta” Challenger per quello che sarà il suo ultimo volo.

È il 17 luglio 2003, giorno in cui un fantasma del passato tornerà a minacciare i pensieri e la vita di una giovane donna ignara d’essere, suo malgrado, l’anello d’una catena che qualcuno, per nascondere una verità scomoda, desidera spezzare.

Sulla pagina Assaggi d’autore puoi leggere subito il primo capitolo e qui c’è il booktrailer.

Ritratto di famiglia” è disponibile in queste librerie.

Guarda il sito promozionale creato per “Ritratto di famiglia

 

2 risposte a RDF

  1. carlo bonfanti scrive:

    ma bisogna anche essere capaci di non farsi ossessionare dal raggiungerlo a tutti i costi rischi di perderti un sacco di cose belle per strada forse un po’ di ironia puo’ servire e poi come diceva il protagonista di “into the wild” “chiama le cose con il suo nome”(cristiano il commento è riferito all’articolo che ha pubblicato ‘il libro non l’ho ancora letto un saluto a te e alla tua compagna e buon 2013)

    • CDL scrive:

      Hai ragione Carlo, se tutti la pensassero come te il mondo sarebbe più allegro e disponibile, tuttavia, la sinossi che hai letto di “Ritratto di famiglia” si riferisce ad alcuni personaggi del romanzo che… (non voglio privarti del piacere di scoprirlo leggendo Rdf ).

      Ti auguro un prosperoso 2013!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *